1701087016154_5e18ad43-85c2-4277-880b-d6f8104daf3a.png

Testo UE sui prodotti difettosi: segnali incoraggianti per il futuro del pianeta

22 novembre 2023

Secondo le Nazioni Unite, ogni anno gli europei producono 16,2 kg all’anno di rifiuti elettronici in uno scenario globale di 53,6 tonnellate tra smartphone ed elettrodomestici che vanno al macero. Di questi, appena il 17% si stima vengano raccolti e riciclati, di certo non tutti finiscono nella spazzatura e, spesso, vengono dispersi nell’ambiente. Una problematica figlia dell’obsolescenza programmata e dell’abitudine a buttare invece di riparare a cui la Commissione europea sta cercando di porre rimedio con una Direttiva sui prodotti difettosirecentemente approvata con voto in sessione plenaria dal Parlamento europeo a Strasburgo.

 

“Accogliamo con entusiasmo l’attenzione che l’Ue sta ponendo sulla durata e la riparabilità degli oggetti, soprattutto elettronici – commenta Luca De Gaetano, fondatore e presidente di Plastic Free Onlus, l’organizzazione impegnata dal 2019 nel contrastare l’inquinamento da plastica – Durante le nostre pulizie ambientali che organizziamo settimanalmente in tutta Italia troviamo abbandonati in natura smartphone, lavatrici, frigoriferi ed elettrodomestici vari. Prodotti che, con il sistema innovativo ed incentivante che l’Ue sta immaginando, avrebbero potuto avere una seconda vita o sarebbero potuti semplicemente durare di piu'”.

 

Tra le misure per ridurre l’impatto ambientale dei prodotti ed elettrodomestici esausti, il testo approvato prevede di consegnare ai consumatori un prodotto sostitutivo durante la riparazione o di consigliare l’acquisto di un oggetto ricondizionato nonché l’erogazione di incentivi per indurli ad optare sempre più per la riparazione anziché lo smaltimento del prodotto difettoso, assicurando ciò ed estendendolo oltre il periodo di garanzia legale. Si apre ora il negoziato tra Parlamento europeo e Consiglio Ue per la definizione della versione definitiva.  

Condividi!

Le ultime news