Un’altra grande sfida per il bene dell’ambiente: Plastic Free Onlus pulirà gli argini dell’intero fiume Po

Il 23 maggio, l’associazione Plastic Free, con il supporto di Flowe, Regina (Gruppo Sofidel) e Roberto Collina, realizzerà la più grande bonifica del fiume Po, dal Piemonte al Veneto.

 

Ogni anno, una persona produce circa 460 chili di rifiuti, l’equivalente del peso di un orso polare. Secondo lo studio condotto da A.I.C.A. e dall’European Research Institute, il fiume Po, quella stessa quantità, la riversa sotto forma di microplastiche in una sola ora nel mare Adriatico. E non solo plastica bensì rifiuti di ogni genere, spesso abbandonati in maniera abusiva nelle vicinanze del fiume a divorati dalla prima piena. Un inquinamento sempre più pericoloso che impatta quotidianamente sull’intero ecosistema, in particolare quello marino, e di conseguenza sull’uomo. Il bacino idrografico del fiume Po e dei suoi affluenti corrisponde ad un’area molto estesa, industrialmente avanzata e su cui vivono 20 milioni di cittadini consumatori.

 

Plastic Free Onlus vuole andare a monte del problema, fermare questi rifiuti prima che raggiungano il mare. Il 23 maggio, l’associazione, grazie al supporto di aziende attente alla salvaguardia dell’ambiente, quali Flowe, Regina (Gruppo Sofidel), Roberto Collina, organizza oltre 50 appuntamenti di pulizia in contemporanea in quattro Regione: Piemonte, Lombardia, Emilia-Romagna e Veneto.

 

L’evento, dal nome ‘un Po prima del mare’, prevede la partecipazione di oltre 5.000 volontari, uniti sotto le bandiere blu di Plastic Free in una grande giornata di sensibilizzazione e amore concreto per il Pianeta. Dopo il grande successo dello scorso aprile, durante la data nazionale, l’obiettivo sarà quello di rimuovere oltre 50.000 kg di rifiuti dall’ambiente.

 

“Il Pianeta ha costantemente bisogno del nostro amore, non possiamo attendere le festività dedicate dell’ambiente per ricordarci di fare la nostra parte.” – commenta Luca De Gaetano, Presidente di Plastic Free – “Il nostro invito a partecipare è aperto a tutti, a coloro che credono in un futuro migliore e a coloro che amano la concretezza della nostra associazione”.

 

A sostegno dell’intera iniziativa, diverse realtà aziendali che hanno accettato la sfida di Plastic Free, sposando i valori e la Mission. Tra queste Regina (Gruppo Sofidel), Flowe e Roberto Collina.

 

“Il Gruppo Sofidel, anche attraverso il brand Regina, vuole essere in prima linea nell’impegno verso un mondo più pulito. È per questo che siamo orgogliosi di partecipare a questa iniziativa che, oltre a portare benefici concreti, si pone l’obiettivo di sensibilizzare e diffondere la cultura del rispetto per il Pianeta” – ha dichiarato Luigi Lazzareschi, Amministratore Delegato del Gruppo Sofidel – “Nell’ambito dei nostri obiettivi di sostenibilità, nel 2020 abbiamo ridotto di circa il 20% l’utilizzo della plastica nel packaging dei nostri prodotti e stiamo perseguendo l’ambizioso obiettivo di diminuire del 50% l’incidenza della plastica convenzionale nella nostra produzione entro il 2030, rispetto al 2013, equivalente a oltre 11.000 tonnellate di plastica all’anno”.

 

“Solo il mese scorso insieme a Plastic Free abbiamo promosso, con grande orgoglio, una Giornata nazionale dedicata alla raccolta della plastica, che ha visto coinvolte 140 località in tutta Italia. A poche settimane di distanza torniamo con un progetto ancora più ambizioso e impattante, per ripulire non più solo le spiagge ma anche gli argini del maggiore fiume d’Italia – spiega Ivan Mazzoleni, Cultural Energy Orchestrator (CEO) di Flowe – Queste sono le iniziative in cui noi di Flowe crediamo e che intendiamo sostenere sempre più in futuro. “La sostenibilità oggi è una condizione di urgenza – commenta Oscar Di Montigny Presidente di Flowe e Chief Innovabilty & Value Strategy Officer di Banca Mediolanum – La cosa più naturale è essere sostenibili, e la finanza è l’industria-guida dell’intero pianeta. Per questo motivo Banca Mediolanum, con Flowe, ha attivato progetti di sostenibilità con un impegno trasversale per tutte le aree dell’azienda, sia a livello strategico che operativo e la partnership con Plastic Free incarna quel modello economico, sociale e comportamentale che abbia al centro del proprio agire il benessere e la prosperità di tutti.”

 

“Il rispetto per l’ambiente, la sostenibilità e l’attenzione alle esigenze dei collaboratori sono da sempre tematiche che poniamo in primo piano nelle scelte aziendali”, dichiarano Roberto e Cristina Collina. “Diventare partner di Plastic Free Onlus è stata una conseguenza naturale di questa filosofia. Siamo convinti che i grandi cambiamenti partano dalle scelte consapevoli e dalle azioni quotidiane di ognuno di noi. In azienda, oltre a privilegiare materie prime sostenibili e provenienti da filiere certificate per le nostre collezioni, sensibilizziamo i nostri collaboratori a comportamenti responsabili e a scelte etiche e consapevoli, sia a livello lavorativo che personale. Difendere il nostro pianeta è un dovere e una necessità non più rinviabile.”

 

Le città coinvolte saranno oltre 50, divise nelle 4 Regioni. In Emilia-Romagna abbiamo Castellarano (RE), Pontelagoscuro (FE), Porporana (FE), Comacchio (FE), Riva Del Po (FE), Guastalla (RE), Borgo Val Di Taro – Albareto (PR), Piacenza, Bondeno (FE), Savignano Sul Panaro (MO) e Modena. In Lombardia: Pavia, Spessa (PV), città nelle prossimità del Fiume Brembo (BG), Mantova, Cremona, Mozzanica (BG), Canonica D’adda (BG), Lodi, Castelnuovo Bocca D’adda (LO), Sustinente (MN), Borgo Mantovano – Poggio Rusco (MN). In Piemonte: Vercelli, Alpignano (TO), Torino, Verduno (CN), Alessandria, Asti, Galliate (NO), Cafasse (TO), Moncalieri (TO) e Ivrea (TO). In Veneto: Porto Tolle (RO), Ariano Nel Polesine (RO), Papozze (RO), Villanova Marchesana (RO), Polesella (RO), Taglio Di Po (RO), Melara (RO), Gaiba (RO), Ficarolo (RO), Castelmassa (RO), Porto Viro (RO), Adria (RO), Guarda Veneta (RO), Stienta (RO), Bergantino (RO) e Occhiobello (RO).

 

Parteciperanno ufficialmente agli eventi alcune prestigiose università del territorio con i loro docenti, studenti, dipendenti e familiari: Università del Piemonte Orientale, Università di Pavia, Università Cattolica e Sacro Cuore dalle sedi di Piacenza e Cremona, ed Università di Padova.

 

“Siamo onorati che parteciperanno agli eventi alcune prestigiose Università delle 4 Regioni” – interviene Antonio Rancati, Segretario Generale dell’associazione Plastic Free – “È una dimostrazione che questi temi possono avere un forte impatto sulla scelta degli studi e sul futuro professionale delle nuove generazioni”.

Tutte e quattro le Regioni attraversate dal Po hanno aderito ufficialmente ai nostri eventi e si sono messe a disposizione per il buon esito dell’intera manifestazione, confermando anche la loro presenza con Stefano Bonaccini, Presidente della Regione Emilia Romagna; Fabio Rolfi, Assessore all’Agricoltura, Alimentazione e Sistemi Verdi della Regione Lombardia; Raffaele Cattaneo, Assessore Ambiente e Clima Regione Lombardia; Matteo Marnati, Assessorato Ambiente, Energia ed Innovazione della Regione Piemonte; Gianpaolo Bottacin Assessore all’Ambiente, Clima, Protezione civile e Dissesto idrogeologico della Regione Veneto.

Hanno confermato la loro attiva partecipazione tre Sottosegretari del Governo Draghi: On. Gian Marco Centinaio, Ministero Politiche agricole alimentari e forestali, On. Ilaria Fontana, Ministero Transizione Ecologica, e On. Barbara Floridia, Sottosegretario Ministero dell’Istruzione.

 

Dalla Camera dei Deputati parteciperanno l’On. Alessia Rotta, Presidente XIII Commissione Ambiente, e l’On. Martina Nardi, Presidente X Commissione Attività produttive, commercio e turismo.

 

Plastic Free Onlus, infatti, dal luglio 2019 ad oggi, ha sensibilizzato oltre 150 milioni di utenti attraverso le proprie azioni quotidiane online ed offline, rimosso dall’ambiente oltre 600.000 kg di plastica, salvato oltre 15 tartarughe marine. Il proprio operato non finisce qui e grazie ai tanti referenti, associati e volontari e al supporto di aziende partner vuole raggiungere risultati sempre più importanti per il bene dell’ambiente.

 

Condividi!

Sponsors